Tino Cosma

Vittorio Cosma apre, nell’immediato dopoguerra, un laboratorio per la produzione di cravatte sartoriali, prodotte in Italia, a Motta di Livenza, vicino a Treviso.

Tino, il figlio, inizia la scalata alla grande moda internazionale negli anni sessanta, trasferendo lo show room a Milano e sviluppando un prodotto industriale di pregio, modificando il logo del brand in Tino Cosma e tessendo una importante e vasta rete vendita, che gli permette di sviluppare il marchio in tutta Italia, in Europa, fino ad approdare in America, attorno agli anni ottanta, consolidando definitivamente Tino Cosma nel firmamento dei nomi più fashion e noti della moda mondiale.

Da una cravatta realizzata unicamente a mano, Tino riesce a produrre in maniera industriale una cravatta di grande pregio, scegliendo disegni sempre più innovativi e all’avanguardia, avvalendosi della collaborazione di importanti designers, nonché dell’aiuto di studenti dell’Accademia delle Belle Arti, nella scelta degli abbinamenti e delle qualità dei tessuti.

Accanto alla cravatteria vengono selezionati e proposti altri accessori tessili, come sciarpe, foulard, tutta una sezione di prodotti cerimonia, una nicchia di piccola pelletteria e negli ultimi anni, per la stagione estiva, una interessante proposta di mare uomo, realizzata con boxer bagno, sviluppati sulle stampe della cravatteria, t-shirt e camiceria in lino e cotone.

Nel 2007 il Brand Tino Cosma viene assorbito dal gruppo comasco Canepa Spa, che apporta al già noto logo tutta la sua esperienza nella realizzazione di tessuti preziosi e innovativi e colori sempre piu’ vari e vividi e d’impatto.

Ad oggi il marchio Tino Cosma è venduto con successo e passione in tutto il mondo e ad esso Canepa Spa dedica uno stand nella più nota esposizione europea di moda uomo, Pitti Immagine Uomo, in gennaio, per promuovere la collezione invernale e in giugno, per promuovere la collezione estiva.